Cesenatico

II Porto Canale di Cesenatico è stato disegnato da Leonardo da Vinci. Esso rappresenta uno degli scenari marinari più suggestivi del Mediterraneo. Sulla riva destra andando verso il mare, dietro il ponte di S.Giuseppe si trova il Museo Galleggiante della Marineria, unico in Italia.

Proseguendo si giunge in Piazza Pisacane, dove c'è una delle prime statue di Giuseppe Garibaldi erette in Italia (1885). Ai lati del ponte della piazza ci sono due antiche colonne di origine greco-bizantina.

Il centro storico si trova a due passi ed in via Giordano Bruno c'è la Chiesa Parrocchiale di S.Giacomo dove si trovano due dipinti del Cagnacci. A pochi passi dalla piazza si trova la pescheria e dopo aver attraversato alcune vie si può osservare le Conserve (l'antica "tecnologia del freddo") nell'omonima piazzetta.

Tornando verso Corso Garibaldi si trova la Biblioteca Comunale che conserva una copia in fac-simile degli schizzi fatti da Leonardo per il porto di Cesenatico. Sulla riva sinistra del porto canale si trova la casa natale di Marino Moretti, scrittore e poeta scomparso nel 1979, all'età di 94 anni. Ora Casa Moretti è un importante laboratorio culturale dedicato alla letteratura del '900. Dietro Casa Moretti si trova il Teatro Comunale, "fabbrica teatrale all'italiana" progettata dall'architetto Candido Panzani e inaugurato nel 1885. Attualmente restaurato è tornato alla sua naturale funzione culturale.

La Nove Colli è la celeberrima corsa ciclistica che fin dal 1971 richiama in terra di Romagna moltissimi atleti ed appassionati di ciclismo.
La kermesse sportiva prevede un percorso che, attraversando l'Appennino Romagnolo, permette di scoprire ed ammirare alcuni dei luoghi più suggestivi della nostra terra ed al tempo stesso di dare il giusto spazio alla gastronomia locale.

In occasione della Nove Colli, ogni anno, gli Hotel di Cesenatico ospitano migliaia di persone e nel tempo questa manifestazione è diventata un vero e proprio mito del panorama ciclistico nazionale e non solo.

Ogni anno si tiene nel mese di maggio e prevede anche due percorsi distinti: oltre a quello tradizionale di 200 km e con un dislivello totale di 3840 metri è previsto anche un percorso corto di 130 km con un dislivello di 1871 metri.






Il parco di Levante di Cesenatico con i suoi quaranta ettari di terreno è una grande area verde che da respiro alla città.
È accessibile a piedi o in bicicletta, mentre chi lo raggiunge in auto può contare sulla presenza di diversi parcheggi posti proprio ai vari ingressi del parco.
I due principali sono Viale dei Mille e Viale Cesare Abba.
Il parco è aperto tutti i giorni e piacevole da visitare in ogni stagione; la primavera e l'estate sono le stagioni ideali per un pic nic nel verde, mentre l'autunno e l'inverno sono perfetti per godere di una passeggiata immersi nel silenzio e nella tranquillità.

All'interno del parco è facile incontrare specie di arbusti tipici delle zone marittime, come i pini, i pioppi, gli ontani, le quercie e i tamerici cresciuti respirando salsedine e iodio.
Ci sono due laghetti, dimora di cigni reali, di anatre mandarine e gallinelle d'acqua che si possono ammirare dalle varie postazioni di bird -watching.




La Notte Rosa è da qualche anno ormai uno dei più importanti eventi del calendario romagnolo. Conosciuta anche con il nome di Capodanno estivo della Riviera, accende di luci e colore 110 chilometri di costa adriatica, diventando il palcoscenico di un vero e proprio teatro a cielo aperto.

Negozi, locali notturni, bar, pub e ristoranti restano aperti tutta la notte; mostre, performance teatrali, convegni, installazioni, attività ricreative, concerti e centinaia di eventi vivacizzano le giornate dall'alba a notte fonda.
I partecipanti indossano un accessorio o un capo d'abbigliamento rigorosamente rosa, creando una folla festosa e brulicante che si sposta per le vie e le piazze di Cesenatico e di tutte le altre località costiere.

La scelta del rosa, come colore simbolo di questo grande evento, è legata allo spirito di accoglienza e cordialità, di allegria e simpatia che da sempre caratterizzano la gente di Romagna e rendono questa costa meta ambita di numerosi vacanzieri.